martedì 4 settembre 2012

Francesca Michielin - Sola (Video e Testo)


SOLA (Testo)

Francesca Michielin 
(Elisa Toffoli - Roberto Casalino) 



E ti si legge negli occhi perchè
Non c'è alcun peso da nascondere
E quel vestito da stringere un po',
buone intenzioni che non bastano.
E tieni a mente le parole,
solo le più belle,
rotta è la tua voce
mentre il cielo piange. 

Sei sola, sola, sola.
Ti senti sola, sola, sola. 

E ti si legge negli occhi perchè
Sempre più rare le tue lacrime.
La nostalgia per chi non rivedrai
E l'allegria che poi ritroverai
Nei gesti e nei dettagli
Piccoli e importanti
Anche se oggi vedi
Solo amori infranti. 

Sei sola, sola, sola.
Ti senti ancora troppo
Sola, sola , sola. 

E continui a domandarti
Quale senso possa avere il tuo
Dolore.
Risposte troverai
Prima o poi
In fondo all'amore
Che ti renderà più forte
E sarà una buona amica anche
La solitudine. 

Sola, sola, sola.
Tu non sei sola, sola, sola. 

lunedì 3 settembre 2012

Sono le speranze che illuminano i giorni ...


♥ www.diariodiunasognatrice.blogspot.com ♥

mercoledì 29 agosto 2012

Muse - Madness (Video - Testo e Traduzione)



Testo
(Mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mad-mad-mad) x3
I…. I can’t get this memories out of my mind.
And some kind of Madness,
Has started to evolve, mmn.
And I…. I tried so hard to let you go.
But some kind of Madness,
Is swallowing me whole, yeh.
I have finally seen the light.
And I…have finally realized.
What you mean…huu, hu, hu hu, huu huu.
And now, I need to know if it’s real love.
Or is it just Madness,
Keeping us afloat, mmm.
And when I look back, at all the crazy fights we have,
Like some kind of Mmmadness,
Was taking control, yeh.
And now I have finally seen the light,
And I…have finally realized,
What you need, mmm.
[guitar solo]
(Mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mad-mad-mad) x2
And now I have finally seen the end,
(I have seen the end)
And I’m…I’m expecting you to care,
(Expecting you to care)
And I…have finally seen the light,
(Have finally seen the light)
And I…have finally realized,
(Realized)
(I NEED TO LOOOOOOOVE) x2
Capture me,
Trust in your dream,
Come on and rescue me.
Yes, I know, I can’t move on,
Baby, you’re too head-strong.
Our love is…
(Mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mad-mad-mad) x4
(Madness)
Traduzione
(Mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-pazzo-pazzo-pazzo) x3
Io. … Non riesco a far uscire questi ricordi dalla mia mente.
E una sorta di follia,
Ha iniziato ad evolversi, MMN.
Ed io … Ho provato così tanto a lasciarti andare.
Ma una sorta di follia,
Mi sta inghiottendo del tutto, yeh.
Ho finalmente visto la luce.
Ed ho .. finalmente capito.
Che intendi … uuu, hu, hu hu, uuu uuu.
Ed ora, ho bisogno di sapere se si tratta di vero amore.
O è soltanto follia,
Che ci mantiene a galla, mmm.
E quando guardo indietro, a tutti i folli scontri che abbiamo avuto,
Come se una sorta di follia,
Avesse assunto il controllo, yeh.
Ed ora ho finalmente visto la luce,
Ed ho. .. finalmente capito.,
Ciò che ti serve, mmm.
[assolo di chitarra]
(Mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-pazzo-pazzo-pazzo) x2
Ed ora ho finalmente visto la fine,
(Ho visto la fine)
Ed io … mi aspetto che questo ti interessi,
(Mi aspetto che questo ti interessi)
E io. .. ho finalmente visto la luce,
(Ho finalmente visto la luce)
E io. .. ho finalmente capito,
(capito)
(Ho bisogno di amore) x2
Catturami,
Credi nel tuo sogno,
Vieni e salvami.
Sì, lo so, non riesco ad andare avanti,
Baby, sei troppo ostinata.
Il nostro amore è …
(Mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-mu-pazzo-pazzo-pazzo) x4
(Follia)

mercoledì 18 luglio 2012

Mandela Day SIMPLE MINDS (Video - testo - Traduzione)

18 Luglio - Mandela Day



It was 25 years they take that man away
Now the freedom moves in closer every day
Wipe the tears down from your saddened eyes
They say Mandela's free so step outside
Oh oh oh oh Mandela day
Oh oh oh oh Mandela's free

It was 25 years ago this very day
Held behind four walls all through night and day
Still the children know the story of that man
And I know what's going on right through your land

25 years ago
Na na na na Mandela day
Oh oh oh Mandela's free

If the tears are flowing wipe them from your face
I can feel his heartbeat moving deep inside
It was 25 years they took that man away
And now the world come down say Nelson Mandela's free

Oh oh oh oh Mandela's free

The rising suns sets Mandela on his way
Its been 25 years around this very day
From the one outside to the ones inside we say
Oh oh oh oh Mandela's free
Oh oh oh set Mandela free

Na na na na Mandela day
Na na na na Mandela's free

25 years ago
What's going on
And we know what's going on
Cos we know what's going on




Traduzione:

Sono 25 anni che hanno portato via quell’uomo
ora la libertà si avvicina ogni giorno di più 
asciuga via le lacrime dai tuoi occhi rattristati 
hanno detto che Mandela è libero e allora esci fuori
Oh oh oh oh il giorno di Mandela
Oh oh oh oh Mandela è libero
dal quel giorno sono passati 25 anni
chiuso dietro a quattro muri notte e giorno
ancora I bambini conoscono la storia di quell’uomo
e io so cosa sta succedendo aldlila della tua terra

Na na na na il giorno di Mandela
Oh oh oh oh Mandela è libero
se le lacrime stanno scorrendo allora asciugale dal tuo viso
riesco a sentire questo battito nel profondo
sono passati 25 anni da quando hanno portato via quell’uomo
e ora il mondo scende in strada dicendo che Nelson Mandela è libero
Oh oh oh oh Mandela è libero 
I soli che sorgono indicano a Mandela la via
sono passati 25 anni da quel giorno
da quello fuori diciamo a quelli dentro
Oh oh oh oh Mandela è libero
Oh oh oh oh Mandela è libero
Na na na na il giorno di Mandela
Na na na na mandela è libero
25 anni fa 
cosa succede
e sappiamo cosa sta succedendo 
perché sappiamo cosa succede


♥ www.diariodiunasognatrice.blogspot.com ♥

giovedì 12 luglio 2012

Pauline Potter: la donna che ha perso oltre 40 kg facendo l'amore


Questa donna ha davvero capito tutto! L'ho sempre detto che non occorre andare in palestra per dimagrire. Basta fare l'unica ginnastica veramente piacevole: fare l'amore.

A dimostrare la mia tesi ci ha pensato la quarantasettenne americana Pauline Potter, che per il suo peso di 291 chili era entrata anche nel Guinnes dei Primati come la donna più grassa del mondo.
Complice il ricongiungimento con l'ex marito, Pauline ha deciso di mettersi a dieta e perdere peso proprio grazie alla ginnastica più bella del mondo, arrivando a fare sesso fino a 7 volte al giorno (wow!).

"Il primo giorno che siamo tornati insieme abbiamo fatto sesso per ben 6 volte”, ha detto il marito al The Sun lo scorso novembre. “Anche se una delle gambe di Pauline pesa più di me, siamo in grado di posizionare il suo corpo per fare sesso piacevole per entrambi ... Per noi è davvero pericoloso fare sesso perché in qualsiasi momento potrebbe crollare il letto e uno o entrambi di noi potrebbe rimanere gravemente ferito o addirittura essere ucciso dall’impatto". Ma tutti questi pericoli non sembrano frenare la determinazione - e soprattutto la passione - di questa focosa coppia.

Sulle proprietà benefiche del sesso ha disquisito anche la Dottoressa Yvonne Kristin Fulbright (educatrice sessuale, esperta di relazioni, editorialista e fondatrice di Sexuality Source. inc.), che ha dichiarato che il sesso migliora il flusso sanguigno, rafforza il funzionamento del cuore, riduce il colesterolo, migliora il sonno e rende più energici e vitali - io aggiungerei anche felici ;) - ha inoltre aggiunto che “Fare sesso può far dimagrire se lo fai abbastanza spesso“. Quindi che aspettate? Volete perdere qualche chilo? Fiondatevi in camera da letto col vostro partner e datevi alla pazza gioia!

giovedì 5 luglio 2012

Il 6 e il 7 Luglio 2012 La NOTTE ROSA ti aspetta

È ai nastri di partenza l'evento più pink dell'anno, quello che trasformerà in un'immensa onda rosa l'intero litorale adriatico emiliano-romagnolo, dai lidi ferraresi fino a Cattolica, passando per Comacchio, Ravenna, Milano Marittima, Cervia, Rimini, Riccione, Cesenatico, Bellaria non tralasciando nemmeno un centimetro di costa. Sto parlando della Notte Rosa.


Il 6 e il 7 Luglio, con strascichi fino a domenica 8, sarà un susseguirsi di eventi, concerti, spettacoli tutti all'insegna del rosa. Rosa i vestiti, gli accessori, i palloncini, i monumenti, i fuochi d'artificio, le spiagge, i cocktail, le piadine e non solo.

Insomma, se vi aggirate da queste parti in questo weekend non potete mancare.
Per maggiori info visita il Sito ufficiale della Notte Rosa, al suo interno troverai l'intero Programma e la Mappa degli Eventi.
A Cesenatico Radio Bruno porterà in piazza per un grande concerto Emma, Pierdavide Carone, i Nomadi, Antonino, Irene Fornaciari, I Sonhora, gli Studio 3 e tanti altri.
A Rimini ci sarà Giorgia, I soliti Idioti, Radio 105 e spettacoli a non finire. A Lido delle Nazioni Elio e le Storie Tese, a Bellaria Morgan, a Misano ci sarà Arisa e questi sono solo alcuni degli artisti che si esibiranno lungo il litorale, senza contare lo spettacolo unico di vedere i monumenti illuminati di rosa per una notte e di partecipare al divertimento che si scatenerà ovunque.
Perciò se non sapete cosa fare in questo fine settimana, vi consiglio di non farvi sfuggire la Notte Rosa. Se volete avere un'idea di quello di cui sto parlando date un'occhiata alle edizioni precedenti.

E venerdì 6 Luglio a mezzanotte ci sarà un grande spettacolo di fuochi d'artificio in contemporanea su 110 chilometri di costa!


Ecco il Programma della Notte Rosa:


Scarica il Book della Notte Rosa









lunedì 18 giugno 2012

Alanis Morissette - "Guardian" (Video, testo e traduzione)



Testo Guardian (Lingua Originale)
You, you who has smiled when you’re in pain
You who has soldiered through the profane
They were distracted and shut down

So why, why would you talk to me at all
Such words were dishonorable and in vain
Their promise as solid as a fog

And where was your watchman then

I’ll be your keeper for life as your guardian
I’ll be your warrior of care your first warden
I’ll be your angel on call, I’ll be on demand
The greatest honor of all, as your guardian

You, you in the chaos feigning sane
You who has pushed beyond what’s humane
Them as the ghostly tumbleweed

And where was your watchman then

I’ll be your keeper for life as your guardian
I’ll be your warrior of care your first warden
I’ll be your angel on call, I’ll be on demand
The greatest honor of all, as your guardian

Now no more smiling mid crestfall
No more managing unmanageables
No more holding still in the hailstorm

Now enter your watchwoman

I’ll be your keeper for life as your guardian
I’ll be your warrior of care your first warden
I’ll be your angel on call, I’ll be on demand
The greatest honor of all, as your guardian

Traduzione Guardian
Tu che hai sorriso quando provavi dolore
Che hai lottato contro il profano
Sono stati distratti e battuti

Perché, perché hai pronunciato
Quelle parole senza onore e invane
Le loro promesse concrete come la nebbia

E c’era la tua guardia del corpo lì

Ti supporterò a vita, come il tuo guardiano
Sarò il tuo guerriero, il tuo custode
Sarò il tuo angelo se avrai bisogno, lì solo per te
Il più grande onore, essere il tuo guardiano

Tu nel caos fingendo salute
Tu che sei stato spinto oltre l’umano
Come amaranto fantasma

E c’era la tua guardia del corpo lì

Ti supporterò a vita, come il tuo guardiano
Sarò il tuo guerriero, il tuo custode
Sarò il tuo angelo se avrai bisogno, lì solo per te
Il più grande onore, essere il tuo guardiano

Non più sorrisi tra l’amarezza
Non si ammaestra l’anarchia
Nessun sostegno durante le grandinate

Ora entra il tuo guardiano

Ti supporterò a vita, come il tuo guardiano
Sarò il tuo guerriero, il tuo custode
Sarò il tuo angelo se avrai bisogno, lì solo per te
Il più grande onore, essere il tuo guardiano

(traduzione bt Musickr)

mercoledì 13 giugno 2012

Nella Nazionale di calcio c'è un gay? E chi se ne frega!

Saranno forse i giovani e tonici muscoli dei calciatori tutti radunati sul campo e costantemente sotto i riflettori a scatenare la libido di Cecchi Paone, fatto sta che ogni volta che c'è la Nazionale che disputa qualche competizione salta fuori il giornalista conduttore con le sue "rivelazioni shock" e via i giornali a fare i titoloni e a scatenare la caccia al gay. Ma insomma, dove sta la notizia? È normale che ci siano, com'è normale che ci siano gli eterosessuali, i bisessuali, gli amanti della sveltina, piuttosto che del tantra ecc... Chi se ne frega di se e quanti gay ci sono in nazionale e di chi siano! Se sapeste che qualcuno di loro è gay cambiereste forse opinione su di lui? Che fareste lo mettereste in panchina o addirittura lo caccereste dalla nazionale? No di certo! Gay o non gay le loro capacità calcistiche sono evidenti ed è solo quello che deve interessare, non le loro preferenze sessuali.
Questa cosa qualcuno dovrebbe spiegarla anche a Cassano che, interpellato sulla questione, ha risposto con una burina Cassanata, utilizzando un linguaggio squallido che ha mandato a nozze i giornalisti e ha inevitabilmente scatenato l'ira di chi deve combattere con questi pregiudizi tutti i santi giorni.
Quest'anno Cecchi Paone ha voluto fomentare ancor di più la discussione parlando di metrosexual, -scatenando la morbosità dilagante di chi si immaginava chissà quale tendenza sessuale - ma al giorno d'oggi la maggior parte degli uomini lo sono!
Metrosexual coniuga infatti le parole metropolitano ed eterosessuale indicando, per l'appunto, una persona tendenzialmente eterosessuale dal'aspetto curato e che ama prendersi cura di sé attraverso la cosmetica. Se dovessimo considerare gay tutti gli uomini che si depilano anche solo un po', che usano le creme, che si fanno le lampade e che hanno un aspetto curato a noi donne chi resterebbe?
L'omo è omo e va be', però un uomo lindo e profumato lo si bacia molto più volentieri, no? ... ;-)

♥ www.diariodiunasognatrice.blogspot.com ♥

martedì 5 giugno 2012

L'ipocrisia di chi non vuol far beneficenza

Ogni volta che si parla di beneficenza c'è sempre qualcuno che spara contro le associazioni che raccolgono fondi, accusandole di essere solo dei ladri perché si intascano la maggior parte dei soldi raccolti.
Vorrei dire a queste persone di piantarla di trincerarsi dietro la scusa "tanto a loro non arriva nulla o quasi" per non donare nemmeno due miseri euro. Siate sinceri: non volete fare beneficenza, punto e basta! E non è un'accusa. La beneficenza deve essere fatta col cuore, non è un obbligo. Ma smettete di accusare gente che si impegna costantemente per dare un po' di benessere e di sollievo a chi si trova in difficoltà. Basta sputare addosso a chi si sporca le mani per portare il suo aiuto, che si fa carico del dolore degli altri, che resta a contatto quotidianamente con la sofferenza del corpo e dell'anima altrui, al contrario di altri che invece si girano dall'altra parte per non vedere e si tappano gli occhi e il naso per non sentire. 
Certo, ci sarà sicuramente qualcuno che ne approfitta e magari una parte dei fondi raccolti finiscono in qualche tasca, ma è così dappertutto, purtroppo, e non è comunque una buona scusa per non donare nulla. Perché se anche una parte va dispersa, un'altra viene impiegata per la logistica e per le spese vive che comunque un'associazione deve sostenere, una parte comunque andrà a buon fine.
Se anche solo 10 centesimi per ogni euro donato finissero ai bisognosi, sarebbe comunque meglio di niente: il niente che avrebbero se quell'euro non venisse donato.
Due euro non sono nulla da soli e non cambiano la vita a chi li dona, ma possono invece cambiarla a chi li riceve, e allora perché non donarli?
Quotidianamente si inviano "quintalate" di sms, inviatene anche uno al 45500
Se voi foste nei panni di chi ha perso tutto, non vorreste che chi la casa ce l'ha ancora facesse meno l'ipocrita e inviasse un misero SMS?



♥ www.diariodiunasognatrice.blogspot.com ♥

venerdì 1 giugno 2012

La maledizione di Tutankhamon: verità o leggenda?

Oggi tutti conosciamo Tutankhamon e la leggenda che lo accompagna, anzi, forse è il faraone più conosciuto in assoluto, ma non sempre è stato così. Prima della scoperta della sua tomba, infatti, la sua storia era ai più praticamente sconosciuta.
Quale miglior trovata pubblicitaria per portare alla ribalta il suo nome se non lo spettro di una maledizione?
Il faraone bambino non lo si può certo annoverare fra i più grandi della storia, tant'è che nemmeno gli archeologi stessi si erano mai prodigati alla ricerca della sua tomba. Tutti tranne uno: Howard Carter.
Fu infatti grazie alla perseveranza di questo giovane disegnatore inglese e ai fondi di Lord Carnarvon - arrivato in Egitto per curare la sua debilitata salute e assecondare la sua nuova passione: l'archeologia - che si deve il ritrovamento della tomba del faraone dimenticato.
Carter era giunto in Egitto al seguito dell'archeologo Flinders Petrie, poi passò a lavorare con altri ricercatori, ma nonostante i ritrovamenti di reperti che portavano il nome di Tut-ankh-Amon, ovvero "più che mai vivo è Amon", nessuno eccetto Carter si era mai interessato alla tomba di Tutankhamon.
La svolta fu data dall'incontro fra Carter e il danaroso Lord Carnarvon, intenzionato a dar fondo alle sue finanze pur di esumare qualche mummia. Fu così che Carter poté dedicare i successivi anni alla ricerca della tomba del faraone bambino e ci riuscì il 4 novembre del 1922.
La cosa sorprendente fu che la tomba, al contrario di tutte quelle scoperte fino a quel momento, risultava inviolata: nessun razziatore di tombe era riuscito a scovarne l'ingresso. "La stessa aria che respirate, rimasta immutata nei secoli, è ancora quella che respirarono coloro che posero la mummia a giacere nel suo riposo. Il tempo si annulla in questi piccoli intimi dettagli, e voi vi sentite un intruso" disse Carter.
Si narra che la tomba fosse protetta da una fatale maledizione che sarebbe ricaduta su chiunque l'avesse violata. Ad avallare questa tesi, secondo i sostenitori dell'esistenza della maledizione, le decine di morti che si susseguirono negli anni e che colpirono coloro che avevano partecipato o collaborato alla sua scoperta, a partire dal finanziatore dell'operazione, Lord Carnarvon.
Insolito però che questa fatale maledizione abbia risparmiato proprio lo scopritore della tomba di Tutankhamon nonché colui che per primo la violò. Carter, infatti, morì solo nel 1939, all'età di sessantasei anni, ben 16 anni dopo l'apertura della tomba. 
Analizzando poi più approfonditamente i decessi attribuiti alla maledizione si scopre che tali morti hanno ben poco di strano e misterioso, anzi, gli aspetti che alimenterebbero la leggenda risultano del tutto falsi, a partire proprio dalla morte di Lord Carnarvon. Il finanziatore, infatti, si era recato in Egitto proprio per curare i suoi problemi di salute, ma qui le sue condizioni peggiorarono a causa delle sue abitudini poco salutari. Fu così facile preda della polmonite che lo portò alla morte all'età di cinquantasette anni, ancor prima che la tomba venisse aperta.
"La morte colpirà con le sue ali chiunque disturberà il sonno del faraone" questo è secondo la leggenda l'ammonimento scritto in geroglifici all'ingresso della tomba, ma dagli scritti di Carter non vi è alcuna traccia di questo fantomatico sigillo.
Com'è nata allora questa leggenda e perché?
L'ideatore potrebbe essere Carter stesso. Dalle sue carte, infatti, emerge una insofferenza dovuta alle interferenze dei giornali e dei visitatori. La curiosità di vedere coi propri occhi, il dovere di cronaca, la pressione dei diplomatici che spingevano per visitarla rischiavano di paralizzare il lavoro di Carter costretto a tenere a bada una curiosità tanto invadente. "Era chiaro che occorreva fare qualcosa, altrimenti, come ho detto, il lavoro rischiava di paralizzarsi completamente", scrisse Carter.
Questa geniale trovata riuscì in colpo solo a portare alla ribalta il lavoro di Carter, a tenere alla larga i curiosi e a scoraggiare i ladri dall'avvicinarsi alla tomba per depredarla.
Il resto lo fece la stampa, che per l'ansia di dover scrivere qualcosa di nuovo ogni giorno accalappiando l'attenzione dei lettori, gonfiò la leggenda di particolari e collegamenti strampalati fino a portarla ai giorni nostri come uno dei più grandi misteri della storia.


www.diariodiunasognatrice.blogspot.com


martedì 29 maggio 2012

Hope: il diamante che uccide

Pesa 44,5 carati (8,9 grammi), il suo insolito colore blu profondo e intenso lo rendono di una spietata bellezza, spietata come la sua fama di portasfortuna: chi lo ha posseduto è morto in circostanze tragiche o è stato vittima di guai d'ogni sorta.
Si chiama Hope, nome beffardo per una pietra maledetta, ed è uno dei diamanti più famosi al mondo e tutt'ora è custodito presso lo Smithsonian Institute di Washington.
Secondo la leggenda questo diamante, originariamente di ben 112 carati, fu rubato dall'occhio della statua di un dio indiano, Rama-Sitra, scatenando l'ira della divinità che maledisse la pietra e tutti coloro che l'avessero posseduta, a partire da Jean-Baptiste Tavernier, ovvero colui che si impossessò per primo del prezioso monile. Fatto sta che poco dopo Tranvier fece bancarotta, morendo poi durante il viaggio che lo avrebbe condotto in India nel tentativo di ricostruire la sua fortuna.
Il secondo proprietario, Luigi XIV, ne ridusse i carati a 67,5 facendolo tagliare a forma di cuore e morì fra atroci sofferenze, così come Luigi XV, l'uno per cancrena ad un piede e l'altro per un vaiolo di tale virulenza che causò l'inizio della decomposizione del sovrano mentre ancora era vivo.
Hope fu poi donato a Maria Antonietta che lo incastonò in una collana. La sua tragica fine,

giovedì 24 maggio 2012

Ma con tutto il posto che c'è proprio a Villa Adriana dovete mettere la discarica?

Fatti di Parole: Ma con tutto il posto che c'è proprio a Villa Adri...:

Senza parole. Si resta letteralmente allibiti apprendendo certe notizie. A me oggi è capitato quando ho letto della bella idea del Prefetto di Roma, Pecoraro, con l'appoggio dell'immancabile Monti e della Polverini, Presidente della Regione Lazio, di piazzare la nuova discarica di Roma a poche centinaia di metri da Villa Adriana! Ma come si fa anche solo a pensare certe cose? Quello è un sito che fa parte del patrimonio dell'umanità riconosciuto dall'Unesco, per ora. Sì, perché proprio a causa del piano rifiuti ideato da Pecoraro & Co, durante la prossima assemblea che si svolgerà a San Pietroburgo l'Unesco deciderà se revocare il prestigioso sigillo a Villa Adriana! Caro Monti, quanti turisti lei pensa che vorranno ancora vedere le meraviglie paesaggistiche e culturali di quel luogo se proprio lì accanto piazzerà una discarica? Quante scuole vorranno andare lì in gita scolastica? Da patrimonio dell'umanità, oasi naturalistica e artistica invidiataci e ammirata da tutto il mondo a discarica ... Un bel cambio, non c'è che dire.
Oltretutto lì sotto passa pure una falda acquifera, quindi oltre a deturpare un luogo artistico rischia pure di essere inquinante. Veramente una bella mossa.
Per lo meno non tutti la pensano come Monti & Co. A ribellarsi a questo scempio c'è infatti, oltre al Comitato Salviamo Villa Adriana, a Legambiente ecc ... c'è anche il Ministro dei beni culturali Ornaghi. Fa piacere che almeno qualcuno con un po' di buon senso ci  sia. Speriamo che gli illuminati professori tornino sui loro passi e si rendano conto che ai luoghi come Villa Adriana va portato rispetto perché testimoniano il prestigioso passato che ci ha condotti fin qui e vanno protetti e salvaguardati affinché continuino ad ammaliare e ad affascinare anche in futuro. L'Italia è un paese meraviglioso, talmente ricco di opere d'arte e di storia da renderlo unico in tutto il mondo. Il mondo invidia il nostro patrimonio artistico, storico, culturale e naturale e noi lo deturpiamo con le discariche?

mercoledì 23 maggio 2012

23 Maggio 1992: Strage di Capaci ... per non dimenticare

Il 23 Maggio 1992 un attentato mafioso tolse la vita al magistrato antimafia Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e ai tre agenti di scorta Vito Schifani (27 anni), Rocco Dicillo (30 anni) e Antonio Montinaro (30 anni). Un bieco attentato che ha tolto la vita a 5 persone mentre facevano il proprio dovere: combattere il male oscuro che attanaglia lo stato, che lo imprigiona in una ragnatela di illegalità di oppressione, di violenza, di crudeltà che si ciba di paura, di omertà, di servilismo e raccomandazioni e che lede la dignità dell'Italia e degli Italiani.

♥ www.diariodiunasognatrtice.blogspot.com ♥


martedì 22 maggio 2012

L'educazione è una cosa seria!

Capita di trovarsi per esempio in tribuna allo stadio con dietro di te un bambino di nemmeno dieci anni che impreca, bestemmia e tira parolacce che nemmeno in curva si sognano di dire e di non sentire una sola parola di rimprovero da parte dei genitori che gli stanno accanto, anzi, senti le loro voci solo per incitarlo ad urlare più forte per farsi sentire dai giocatori in campo col solo risultato di assordare te e il tuo vicino di posto e di mettere alla prova i vostri nervi. Improperi di cui il bambino nemmeno sa il significato tant'è che storpiandone alcuni viene puntualmente corretto dal genitore che, ligio e diligente, ne corregge la pronuncia.
 Poi ci interroghiamo sul bullismo, la maleducazione dei giovani che non hanno rispetto per niente e per nessuno? Ma cavoli, cari genitori, se voi per primi non insegnate l'educazione ai vostri figli fin da piccoli come pretendete che crescano? Poi magari date la colpa alla società! L'educazione mica la si acquisisce come il colore degli occhi! La si impara in famiglia attraverso gli insegnamenti di genitori responsabili e consapevoli. Non ci vuol tanto a capire che un linguaggio del genere è sbagliato anche in bocca ad un adulto, figuriamoci a un bambino!

♥ www.diariodiunasognatrice.blogspot.com ♥
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...